sabato 9 marzo 2013


"Il dolore che distrugge dentro,
come un tuono irrompe nella notte,
come il vetro si frantuma a terra.

Un cuore spezzato,
Un dolore che spacca,
E' il rumore del tuono che rimbomba dentro,
Batteva forte,
Si è fermato,
Un silenzio rumoroso,
Dopo la rottura,
Dirigila dove vuoi tu.
Vuoi urlare? Fallo!
Se vuoi farlo, puoi farlo!
Sei vivo,
Il tuono irromperà,
L'organo della vita,
Presto o tardi,
Nella vita si muore dentro,
Il disegno si completerà,
Ora puoi,
Faticherai.
Arriverai lassù esausto per il cammino,
Ti protegge.
Se non lo fai per te stesso,
Il quadro sarà completo,
E se pensi che la strada sia facile,
Urla,
Siamo qui,
Non aspettare,
(Dedicata a una persona cara per la sua perdita. 29/01/2013)


che batte per la sopravvivenza,
come un topo sfugge agli artigli del gatto.

a metà,
un cuore che palpita. 

è il vetro che squarcia le membrana dell'organo vitale.

almeno 180 battiti al minuto,
in un secondo...
Il silenzio.

la tempesta è passata.
dopo il tuono,
un fulmine,
non era la quiete prima della tempesta,
bensì il contrario. 

fastidioso.

ora tutto appare calmo...
è apparenza,
c'è una strada,
è in salita,
non sai dove porta,
ma se fosse un dipinto,
la potresti disegnare.


Vuoi rompere il vetro? Fallo!
Vuoi restare da solo? Fallo!
Vuoi piangere? Fallo!
Vuoi correre? Fallo!
Vuoi saltare? Fallo!
Vuoi dipingere? Fallo!


il battito cardiaco riprende il suo palpito,
la tempesta è passata.

probabilmente,
un'altra volta.

sanguina,
è lacerato,
ma ne raccogli i pezzi...
E come un puzzle,
piano, piano,
nella calma apparente,
li ricomponi.

sarà rimarginato,
il quadro finito.

e si rinasce,
dieci, cento, mille volte.

ma ora sei vivo,
non morire lentamente,
rinasci!

andare avanti.
Come in tutte le strade di montagna,
c'è una salita e una discesa,
ora sali.

Ti stancherai.

ma sarete più vicini,
ancora un'altra volta,
dal cielo lui ti guarda.


fallo per lui che ti vuole bene.
Da lassù lui ti accarezza.

e tu dovrai andare avanti.
Ma ora sali! 

ti sbagli di grosso,
caro,
la strada la disegni tu.
Svegliati! Ora! 

rompi il vetro,
resta da solo,
piangi,
corri,
salta,
dipingi!

per qualcosa,
fallo,
ma reagisci!

disegna la tua strada,
percorrila,
solo così il tuo organo vitale,
tornerà a battere più di prima,
per te e anche per lui."




Nessun commento:

Posta un commento

Licenza Creative Commons
Nascondiglio Pubblico by Claudia Bombonato is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia License.
Based on a work at http://nascondigliopubblico.blogspot.com/.